Giovedì mattina ore 7:49: alta marea

18 Feb

   E’ mattina. Barba incolta e ruvida sui polpastrelli, che vanno su e giù, e giù e su, massaggiando la mascella neanche fosse slogata. Proprio slogata sembra, dallo smisurato sbadiglio che va a distorcere tutta la faccia, come fosse un urlo munchiano; le labbra secche, la lingua impastata, la saliva densa. Strascichio di piedi sul pavimento ingrassato da migliaia di giorni colmi di migliaia di scarpe: non si pulirà mai del tutto; sarà ogni giorno più sporco, fino a che non dovranno buttare via tutto e rifarlo da capo.
   Sbuffo. Nel locale quasi solo il fischio dei televisori messi su muto: sembra di stare sotto un traliccio dell’alta tensione. Butto giù in gola l’ultimo residuo di caffè, accartoccio il bicchierino e lo lancio oltre il bancone. Lo aggiro, con uno sforzo penoso mi chino a raccogliere il bicchierino da terra e lo getto nel cestino; poi mi stiro, massaggiandomi i fianchi, e accendo il computer. Vediamo come far iniziare la giornata nel migliore dei modi.
   – Dante! C’è un roll da sistemare, i DVD da riordinare, questi videogiochi da riprezzare – e mi schiaffa un foglio tra le mani, – e io devo andare a parlare col direttore. – Si volta, fa per andarsene, torna sui suoi passi. – Ah, Michele non c’è e Valter arriva in ritardo. Mario? – Scuoto la testa. – Ok, allora sei definitivamente solo fino alle 10. Buon lavoro.
   – …grazie Jò. – Le prime sarcastiche parole del giovedì mattina.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: