Plus ça change plus c'est la même chose

15 Set

   Michele mi batte una mano sulle spalle.
   – Insomma?
   Alzo un sopracciglio: – "Insomma" cosa?
   Fa un gesto di non curanza, poi comincia a sfogliare Wired.
   – E tu? – divago.
   – "E tu" cosa?
   – ‘Sto nuovo lavoro: te lo sei trovato o no?
   Sbuffa: – Ne ho trovati una ventina: uno peggio dell’altro.
   – Peggio di questo?! – esclamo sarcastico.
   Michele mi fa capire di lasciar perdere e io lascio perdere. – Dovrei andarmene a quel Paese – borbotta amaramente.
   *Driiin*
   Mi lancia uno sguardo alla "Dai rispondi".
   *Driiin*
   Gliene rimando uno alla "Non ce n’è: sei il più vicino".
   Alza la cornetta assieme al dito medio. – Pronto?
   Qualche secondo di silenzio. – Attenda un attimo – e accende il vivavoce. Mi raddrizzo incuriosito.
   – Stava dicendo, signore?
   La voce di un uomo gracchia dall’altoparlante del telefono: – Sì, appunto, mi trovo in un vostro negozio, in Francia. – Afferro solo ora l’espressione di ironica attesa di Michele e ne comincio a condividere il motivo. Il tipo continua: – Sono davanti a un televisore al plasma della Samsung (aspetti che le dico il numero di serie…): P di Padova, S di Savona, cinque… – Prendo un foglio scarabocchiato e appunto lettere e numeri. – Se l’è segnato? – conclude l’uomo.
   – Certo, signore – risponde Michele affabile.
   – Bene. Ecco, volevo sapere: qui il televisore costa duemilasettecentodiciassette euro e ventinove centesimi. Voi quanto lo fate pagare?
   Michele ed io ci scambiamo un’occhiata perplessa: iniziamo a capire dove voglia arrivare. Chiede un attimo di tempo mentre gli passo l’appunto e fa una ricerca via computer.
   – Dunque, costa tremilacinquantaquattro euro e novantanove centesimi.
   Pausa.
   – Ma sono circa trecentociquanta euro in più! – squittisce l’altro.
   – Così pare – risponde impassibile Michele.
   – Ma non è possibile! Mi trovo esattamente nello stesso negozio, nella stessa catena!
   – Ma non nello stesso Paese, signore.
   – E cosa vuol dire? – sbotta quello. – Siete sempre voi!
   – Sì, ma noi siamo in Italia, mentre lei è in Francia.
   – E con questo?!
   Michele prende un lungo, lento respiro e si pizzica gli occhi con le dita. – Signore, quello è il Centro francese, noi siamo il Centro italiano: ci saranno delle differenze sui prezzi che dipendono dal Paese e non dalla catena.
   – Ma come? – chiede quello, incredulo. – E perché mai qui costa meno che in Italia, mi scusi?
   Michele replica secco: – Non so cosa risponderle. Cosa vuole che ne sappia, io, delle politiche economiche della Francia?
   Pausa. Lunga.
   Poi uno scricchiolio dall’altra parte: – Pare che dovremo scrivere ai giornali, una volta che sarò tornato in Italia.
   Michele mi guarda scocciato: – Pare di sì, signore.
   – Grazie mille, allora. Arrivederla.
   Attacca.
   Alza il mento con fare interrogativo. Io abbasso le palpebre e traggo un profondo respiro: – Sembra che "a quel Paese" non ti andrà tanto meglio.
   – Qualunque lavoro farò, sarà sempre la stessa storia.

Annunci

4 Risposte to “Plus ça change plus c'est la même chose”

  1. utente anonimo 15 settembre 2009 a 11:43 AM #

    non posso credere che esista della gente del genere …

  2. DanteHicks 15 settembre 2009 a 12:25 PM #

    la realtà la costruiamo noi… salvo eccezioni.

  3. utente anonimo 15 settembre 2009 a 11:29 PM #

    Ma quanto gli sarà costata la telefonata internazionale con il cellulare?
    Ma soprattutto: aveva già il vostro numero dietro? Altrimenti, quanti giri di telefonate avrà fatto per recuperarlo?

  4. DanteHicks 16 settembre 2009 a 3:42 PM #

    Infatti dibattevamo sul fatto che i trecento e passa euro di differenza li avrà spesi al telefono 🙂

    Il numero si trova facilmente su internet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: