(dis)Ordini

19 Mar

   – Bene, Pietro Parcheggio ha ordinato trenta copie del cartone "L’Uomo Ragno e i suoi fantastici amici", prima serie.
   – Io invece ho un Adriano Oliva, con settanta cartucce nere per questa stampante.
   – Aspettate! Aggiungete cinquanta copie di "Fuga da Monkey Island" a nome Simone Mago.
   Michele, Jonathan e io completiamo l’ordine e lo inviamo via mail a Davide, poi ci guardiamo soddisfatti.
   Da quando Davide è diventato capo settore sono migliorate parecchie cose, non ultimo la gestione degli ordini. Di solito funziona così: una parte degli ordini li facciamo noi, in base alle richieste dei clienti o dando qualche suggerimento; in generale, però, c’è un centro apposito che monitorizza il nostro reparto, e ci invia gli ordini in base a calcoli poco chiari. Per esempio esultammo per poco tempo dopo essere riusciti a vendere l’ultimo pezzo di un vecchio modello di televisore della Sony: il centro ordini pensò che, avendo venduto l’ultimo, fosse il caso di richiederne altri cinque. Per non parlare di quella volta in cui il Centro, nello specifico il nostro reparto, aveva in esclusiva nazionale un videogioco che sarebbe uscito negli altri negozi solo una settimana dopo: ce ne arrivarono solo 90 copie; finite in un pomeriggio.
   E così, abbiamo dovuto arrangiarci. Col precedente capo settore era più difficile, data la sua scarsa collaborazione, ma con Davide le cose vanno alla grande. Mandiamo ordini di clienti fittizi in base alle nostre necessità, basate sulla valutazione di come vanno le cose in reparto. Il centro ordini sa bene che Giovanni Ramone non è interessato a quindici copie dell’ultimo DVD sui Sex Pistols, ma spedire direttamente quell’ordine al fornitore per loro vuol dire meno lavoro, e allora ben venga!
   Buon per noi, insomma. Il reparto, per questo aspetto, funziona un po’ più come lo desideriamo noi, e un po’ meno come lo fantasticano loro.

Annunci

4 Risposte to “(dis)Ordini”

  1. LaVostraProf 19 marzo 2009 a 2:31 PM #

    Vuoi dire ch epotrò mandare a MAriassstella i risultati della mia classe dicendo che Pico e Pallino hanno superato a pieni voti la prova Invalsi e a lei andrà bene uguale?
    Mi hai dato un’ideona.

  2. riccionascosto 19 marzo 2009 a 4:29 PM #

    Ma davvero “Fuga da Monkey Island” si vende ancora?
    Quasi quasi me lo ricarico sul pc e lo rifaccio…

  3. utente anonimo 19 marzo 2009 a 8:46 PM #

    Adriano Oliva?

  4. utente anonimo 20 marzo 2009 a 8:35 AM #

    Un classico: le decisioni sono prese in un Empireo che nulla ha a che vedere con le persone su cui avranno effetto… poi ci stupiamo che c’è la crisi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: