Il cliente ha sempre ragione? (3)

6 Feb

   Il giorno successivo alla sfuriata di Michele è martedì, il mio giorno libero. Non ho il suo numero, quindi mando un sms a Valter per avere qualche notizia ma puntualmente non mi risponde. Non posso fare altro che aspettare la mattina seguente.
   Quando arrivo vedo Michele dietro la cassa. E’ nero. Più del solito. Batte i prezzi come se avesse il piombo nelle dita. Penso che la cosa migliore da fare sia chiedere ad altri cos’è successo. Valter non c’è, così vado da Pino, un ragazzo eccentrico con cui ho avuto sempre molto poco a che fare.
   – Ehi Pino. Come va?
   – Bene.
   – Hai saputo di Michele?
   – Michele chi?
   Mi giro e vado a cercare Marco. Lo trovo davanti ad uno scaffale di portatili mentre confronta i prezzi esposti con quelli riportati su un foglio stampato.
   – Ciao Marco, che fai?
   – Ciao Dante. Confronto i nostri prezzi con quelli di alcuni altri centri. Siamo decisamente i più cari…
   – Fico… – Non vorrei davvero essere il capo reparto. – Dimmi un po’: Michele?
   Si ferma a guardarmi, poi scuote la testa: – Un casino. Il capo settore ha deciso di "punirlo" mettendolo fisso in cassa.
   – In che senso "fisso in cassa"?
   – Da oggi a non si sa quando dovrà stare dietro la cassa e stop. Questa è la sua "punizione".
   – Ma… ma… è come dire che il lavoro da cassiere è una punizione!
   – Esatto…
   Mi fermo un secondo a riflettere. Il Centro ha una cassa per ogni reparto, più una schiera di casse "generali" all’uscita centrale. Nelle casse dei reparti ci alterniamo noi commessi, mentre alle casse generali ci sono ragazze e ragazzi che fanno solo quello tutta la giornata.
   – E i cassieri degli altri reparti? E quelli all’uscita? Come l’hanno presa?
   – Di merda, ovviamente. Lo sanno già tutti e hanno protestato con i loro superiori che a loro volta credo stiano pensando di dirlo al Capo del Centro.
   – Non ci posso credere… Il nostro capo settore è un perfetto idiota…
   Marco controlla un Sony Vaio, segna un appunto sul foglio e fa una smorfia: – Già.
   Me ne vado in giro per il reparto pensando alle possibili conseguenze, ma non mi viene davvero in mente cosa potrebbe succedere. Il Capo del Centro non l’ho mai conosciuto, non so che tipo è. Potrebbe sfanculare il nostro capo settore o ritenere che la sua sia una giusta punizione. E sì che pensavo di averle viste tutte…

Annunci

2 Risposte to “Il cliente ha sempre ragione? (3)”

  1. utente anonimo 6 marzo 2008 a 12:32 PM #

    “Sfanculare” è un termine che non avevo mai sentito. Però è bello, me lo segno, grazie.

    Bongio

  2. Aleksej68 6 marzo 2008 a 2:36 PM #

    “Sfanculare” è pane quotidiano in tutti gli ambienti di lavoro :))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: